Home / blu / Maledizione difesa

Maledizione difesa

Ho fatto un movimento strano, ho sentito scrocchiare. Non dico niente, la risonanza domani mattina ci dirà cosa ho“. Mai parole peggiori potevamo sentire da Leonardo Bonucci, che, oltre al 4-1 con cui la Nazionale di Conte si è dovuta arrendere alla Germania, ha pagato con l’infortunio la pessima prova in azzurro. Il numero 19 bianconero, infatti, è stato costretto ad uscire anzitempo per un problema alla coscia. Leggero stiramento, si legge, ma aspettiamo per cantare vittoria. E, intanto, Allegri piange l’ennesimo infortunio di stagione.

Bonucci è squalificato per la sfida contro l’Empoli di sabato prossimo, quindi non sarebbe stato comunque arruolabile, ma non ci voleva. Con Chiellini ancora out e Barzagli sulla via del recupero, ma ancora non sicuro di riprendere il suo posto contro gli azzurri toscani, resta il solo Rugani sicuro di poter scendere in campo contro la sua ex squadra, senza dimenticare un Caceres ormai K.O.. Allegri, dunque, ancora una volta dovrà fare i conti con l’emergenza difesa per il campionato, ma la Nazionale ha lasciato nuovamente  in eredità più dolori che gioie: oltre all’infortunio della colonna del reparto arretrato, anche Zaza non ha brillato, mentre il solo Buffon è stato degno di menzione. Quello del difensore va ad aggiungersi, oltre ai già citati, a quelli che in stagione hanno colpito Mandzukic, Khedira, Marchisio, Pereyra, Dybala, Asamoah.

In attesa di segnali di ripresa, intanto, si attendono i rientri di tutti i giocatori impegnati in patria, affinché il tecnico livornese possa finalmente riprendere con tutto il gruppo al completo la marcia di avvicinamento al Castellani.

Federico Gennarelli – Twitter: @Belisario88

 

slide_bonucci02

Check Also

MERCATO, un giovane obbiettivo bianconero sempre più lontano da Torino

Haaland è forse il giovane che in questi primi mesi di stagione sta sorprendendo di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.