Home / News / MANDZUKIC E LA JUVENTUS: UN AMORE FINITO (BENE)
Dal profilo Instagram della Juventus

MANDZUKIC E LA JUVENTUS: UN AMORE FINITO (BENE)

Esistono varie tipologie di attaccanti. Quelli che giocano negli ultimi 2o metri di campo, quelli che sottoposta non sbagliano mai, quelli egoisti e quelli altruisti. Poi ci sono (pochi) attaccanti come Mario Mandzukic, che sanno fare tutto e bene. Dal suo arrivo dopo la militanza nelle file del Bayern Monaco, dove ha vinto la Champions, e nell’Atletico Madrid, il croato si è preso la Juventus a suon di gol, giocate, sacrifici e tanti polmoni. Indimenticabile l’unico gol nella drammatica finale persa contro il Real. Poi il buio. Massimiliano Allegri lascia la direzione tecnica, arriva Maurizio Sarri, un rivoluzionario del calcio, uno di quegli allenatori che portno qualcosa di nuovo in questo sport. Le rivoluzioni, tuttavia, richiedono dei sacrifici, delle perdite, e Mario Mandzukic è una di queste. Inspiegabile l’esclusione del croato, anche per ragioni di pura aritmetica: se vengono schierati Ronaldo e Higuain con Dybala non disponibile, il tecnico toscano non ha cambi di ruolo. Eppure Mandzukic di certezze ne ha date alla Juventusnegli anni passati. Durante la stagione scorsa sono stati 9, in Serie A, i gol segnati e 6 gli assist forniti dal numero 17. Certamente passare da buoni numeri come questi, a soltanto tre convocazioni durante il corso della stagione, fa pensare. Ormai la love story tra Mandzukic e la Juventus è finita. Ieri, nel giorno di Natale, l’addio su Instagram con il ringraziamento a Beppe Marotta (ora AD dell’Inter) e Massimiliano Allegri: “È impossibile riassumere quattro anni e mezzo in un semplice arrivederci, ma spero abbiate visto la mia passione per questo club e per questa squadra in ogni singola partita che ho giocato per la Juventus. Un grande ringraziamento a Mr Allegri e a Mr Marotta per avermi voluto a Torino. E’ stato un privilegio giocare per la Juventus e gli ultimi mesi non cambieranno il rispetto e l’amore che provo per il club. Ringrazio tutti i compagni che ho avuto in queste stagioni. Ho davvero apprezzato ogni singola battaglia con voi e abbiamo vinto la maggior parte di queste battaglie”. Amore finito, sì, ma bene. Come spesso accade tra una persona cordiale e un’altra, tra un campione e una società che si rispetti.

Check Also

DALL’INGHILTERRA, Niente Juve per Guardiola.. il tecnico vuole restare

Pep Guardiola è pronto a rimanere al Manchester City nonostante l’esclusione del club dalle Coppe europee …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *