Home / Calciomercato / MERCATO, Milik o Icardi? Il dilemma sull’erede del Pipita

MERCATO, Milik o Icardi? Il dilemma sull’erede del Pipita

Gonzalo Higuain, il figliol prodigo ritornato in bianconero l’estate scorsa e che tanto ha lottato per rimanere alla Juventus, rifiutando la partenza per la Roma, in cui avrebbe ottenuto un gustoso ingaggio ed un ruolo da protagonista. Oggi il Pipa è ancora in Argentina, dove è tornato a seguito dell’emergenza Coronavirus per poter stare vicino alla sua famiglia, soprattutto alla madre malata. Nei giorni scorsi sono arrivate voci riguardanti un suo rifiuto nel voler tornare in Italia in seguito alla sua possibile cessione durante il mercato estivo. Una carta rischiosa quella da lui schierata, volta probabilmente a trovare un possibile rinnovo del contratto in scadenza nel 2021. Fabio Paratici, ds della Juventus, sta però valutando seriamente l’idea che con il Pipita non farà più parte della famiglia bianconera. Un’eredita pesante quella da raccogliere per la futura punta, che dovrà essere degna di rimpiazzare un’attaccante che tanto bene ha fatto tra le file della Vecchia Signora. Due sono i nomi più conclamati: Arkadiusz Milik del Napoli e Mauro Icardi in prestito al PSG con diritto di riscatto dall’Inter. Il polacco in forza al Napoli, è un classe 1994, fino qui ha dimostrato di avere una grinta senza eguali nonostante i tanti infortuni che gli hanno impedito di brillare ancor di più. Forte di testa, trascinatore, ha fiuto per il gol, caparbio nel ritornare per andare a cercare il pallone e ha dimostrato di avere anche un piede molto aggraziato da calcio da fermo. Certo, il timore dovuto alla sua disposizione ai problemi fisici fa dubitare, ma le sue doti non sono discutibili. De Laurentiis, presidente del club partenopeo ha chiesto una cifra sui 40-50 milioni di euro per il polacco, la Juve vorrebbe inserire come contropartita il cartellino di Federico Bernardeschi per tentare di far scendere il prezzo ma senza successo. L’altro nome caldo per l’attacco bianconero è quello di Mauro Icardi. Da tempo l’argentino classe 1993 è oggetto del desiderio di Fabio Paratici da diverso tempo. L’estate scorsa, prima di trasferirsi sotto la Torre Eiffel, l’attaccante è stato molto vicino alla Juve per poi trasferirsi al PSG. Anno nuovo tentativo diverso: i francesi a fine stagione potranno riscattarlo a titolo definitivo per 70 milioni di euro dall’Inter per poi, volendo, cederlo alla Vecchia Signora. I nerazzurri in caso di cessione ad un club italiano percepirebbero una somma dai 10 ai 15 milioni di euro, ecco allora che con molta probabilità il club parigino valuterà la sua cessione sugli 85 milioni di euro. Per cercare di abbassare il prezzo dell’argentino, si starebbe pensando di inserire qualche contropartita tecnica, su tutte quel Miralem Pjanic molto gradito al ds del PSG, Leonardo. Graditi anche Douglas Costa, Alex Sandro e De Sciglio nella capitale francese. Icardi, anche lui come Milik è forte di testa, è carismatico, ha dimostrato più volte di essere un killer d’area di rigore ma difetta nel creare un Icardi-centrismo nelle squadre in cui gioca, richiedendo ai compagni di fare molto lavoro per supportarlo. Il classe ’93 rimane spesso fermo negli ultimi 16 metri ad aspettare il pallone, e questo non avrebbe molto senso essendoci già Ronaldo e Dybala che vanno a cercare la porta. Senza dimenticare l’agguerrita moglie-agente Wanda Nara, la quale ha dimostrato di essere un peperino senza peli sulla lingua. Nessuno però può dubitare del grande valore tecnico che apporterebbe alla squadra in caso di un suo passaggio in bianconero, l’ex Sampdoria ha sempre parlato sul campo, e in Serie A ha saputo zittire le critiche a suon di gol. Due nomi, due grandi giocatori che potrebbero raccogliere l’eredità di Higuain. La scelta su quale nome piazzare la puntata spetta a Paratici, ma una cosa è certa: se dovesse arrivare uno dei due, ne vedremo delle belle.

Check Also

COSTA: “Ci sono momenti in cui penso se posso ancora giocare”

“Ci sono dei momenti che penso: posso ancora giocare?’ Perché scendo in campo e mi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *