Home / News / Nuova vita di Rugani, presto Allegri potrebbe lanciarlo

Nuova vita di Rugani, presto Allegri potrebbe lanciarlo

Sono certo le tante panchine accumulate (già nove, comprese le ultime cinque partite della Juventus contro Milan, Sampdoria, Napoli, Lione e Chievo) che possono deprimere uno come Daniele Rugani che vede i compagni esultare spesso negli ultimi tempi, mentre lui se ne sta fuori dal giro. Due presenze da titolare in quattro giorni, tra il 21 e il 24 settembre con Cagliari in casa e a Palermo, quindi il crac, i tempi accelerati per recuperare in fretta e il rientro, ma soltanto in panca.
Rugani non alza la voce: sa perfettamente che se ad Empoli era uno dei leader, in bianconero non si scalano le gerarchie soltanto dimostrando di star meglio fisicamente degli altri.
E non è, scrive Tuttosport,  neppure una mera questione di maturazione tattica: conta la coltivazione di una mentalità, l’assorbimento di una capacità continua di stare sul pezzo che nella Torino bianconera è doveroso acquisire. E pazienza se in estate i vertici di corso Galileo Ferraris hanno respinto al mittente i 30 milioni offerti dal Napoli, replicando il no secco anche dinanzi alle avance insistite dell’Arsenal.
Conta, piuttosto, il fatto che a 22 anni il giocatore sia considerato il pilastro destinato a sostenere Juventus e pure quella Nazionale dove rischia di trovare maggiore spazio. La fiducia della società nei confronti di Rugani, del resto, si è già palesata con il rinnovo siglato fino al 2020: quattro anni di contratto per un centrale pagato 4,5 milioni tra apertura della comproprietà con l’Empoli e il successivo riscatto del cartellino. E nel dibattito, man mano più corposo e legato alla stretta realtà, fra difesa a 3 oppure a 4 il nome di Rugani calzerebbe comunque a pennello.

Check Also

UNDER23, Termina l’isolamento fiduciario

Con un comunicato stampa apparso pochi minuti fa sul sito ufficiale della società juventus.com e poi diramato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *