Home / News / OPPOSITION WATCH, uno sguardo all’Udinese in attesa della sfida di domani
during the Serie A match between FC Torino and Udinese Calcio at Stadio Olimpico di Torino on April 2, 2017 in Turin, Italy.

OPPOSITION WATCH, uno sguardo all’Udinese in attesa della sfida di domani

In attesa della gara di domani delle 15, diamo uno sguardo alle caratteristiche principali e ai numeri dell’Udinese. Ecco quanto si legge sul sito ufficiale:

“Opposition Watch: l’Udinese

Alla scoperta della squadra friulana

Quindici punti in altrettante partite: è questo il bottino conseguito fino ad ora dall’Udinese in campionato. Una squadra che, nell’ultimo turno, è riuscita a bloccare sull’1-1 il Napoli dopo essere passata in vantaggio con la rete di Lasagna, poi ripresa dal gol di Zielinski. Kevin Lasagna è anche il miglior marcatore dei friulani, insieme a Stefano Okaka, con 3 reti. Seguono a quota 1 Ilija Nestorovski, Rodrigo De Paul, Rodrigo Becao e Ken Sema.

L’unico giocatore ad aver disputato tutti i minuti è il portiere argentino Juan Musso, che lo scorso 10 novembre in occasione della gara interna giocata contro la SPAL ha neutralizzato nel recupero il suo primo rigore (a Petagna) da quando è in Italia. Sul podio dei più impiegati figurano anche William Troost-Ekong e Rolando Mandragora, quest’ultimo determinante nella passata stagione per la salvezza dell’Udinese. Con lui, nella linea mediana è fondamentale la presenza di Seko Fofana, centrocampista in grado di garantire grande forza fisica e anche qualche gol: sono infatti 10 le reti segnate dall’ivoriano nei tre precedenti campionati disputati.

Attenzione sulle fasce alla velocità del danese Jens Stryger Larsen, che può giocare sia a destra che a sinistra. Per adesso ha fornito solo un assist (contro il Bologna), ma nella passata stagione ne servì quattro, risultando uno dei migliori della rosa.

Da ricordare che l’Udinese sarà anche la prossima avversaria della Juventus negli ottavi di Coppa Italia, il prossimo 15 gennaio all’Allianz Stadium. A questa partita vi è arrivata dopo aver eliminato Sudtirol (3-1) e Bologna (4-0).

COSA DICONO I NUMERI
Anche in questa stagione l’Udinese sembra confermare le difficoltà della precedente quando la salvezza era stata raggiunta nelle giornate finali con una certa difficoltà.

I dati dicono che la squadra friulana è in grande difficoltà in molti aspetti, e, nonostante l’esonero del tecnico Igor Tudor sostituito per ora dal suo vice Luca Gotti, non sembra riuscire a trovare una continuità di rendimento.

L’Udinese è tra le ultime squadre della serie A in termini di produzione in attacco: 10 gol (diciannovesima posizione), 181 tiri (sedicesima posizione), 7% di capacità realizzativa (diciottesima posizione) e 14 occasioni da gol create in questa stagione (ventesima posizione).

Una scarsa produttività in attacco evidenziata anche dalla difficoltà che il 3-5-2 dell’Udinese ha nel tenere palla (il possesso è appena al di sopra del 44%).

Leggermente meglio la fase difensiva, preparata da Tudor con un centrocampo muscolare in grado di recuperare palla, anche bassa, per poi innescare in avanti De Paul, il giocatore più tecnico, il cui rendimento però al di sotto delle aspettative, rispetto alla scorsa stagione, è una della cause dei problemi dei friulani.”

Check Also

EMERGENZA CORONAVIRUS, L’UEFA convoca un vertice per la giornata di domani: prosegue la discussione sul futuro del calcio

La Uefa ha convocato per domani a mezzogiorno una videoconferenza con i segretari generali delle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *