Home / News / PAGELLE MB: Higuain è un cecchino, Sturaro e Mandzukic gladiatori. Allegri è attento e non sbaglia

PAGELLE MB: Higuain è un cecchino, Sturaro e Mandzukic gladiatori. Allegri è attento e non sbaglia

BUFFON 6 – Il numero uno bianconero non ha molti impegni nel primo tempo ma si fa trovare pronto sul cross di Perotti, dove anticipa Dzeko su un’azione pericolosa.

LICHTSTEINER 5,5 – L’esterno svizzero cerca di dare solidità alla difesa bianconera ma concede spazio a Perotti e Nainggolan: dalla destra vengono i pericoli maggiori per la Juve infatti. dal 67′ BARZAGLI 6 – Il muro bianconero entra e offre sicurezza alla difesa bianconera.

RUGANI 6 – Il giovane centrale difensivo bianconero offre una prestazione ordinaria ma ordinata, senza sbavature eccetto il giallo evitabile su Dzeko al 26′. Continua a coprire per tutti i 90 minuti, dimostrando di essere pronto per palcoscenici importanti.

CHIELLINI 6,5 – Il difensore toscano dimostra la sua affidabilità chiudendo sul nascere qualsiasi pericolo. Si dimostra molto utile anche in attacco al 69′, servendo Higuain e creando dal nulla un’azione importante per il raddoppio. Aiuta bene i compagni di reparto e spesso prova a gestire anche il pallone.

ALEX SANDRO 6 – Il brasiliano viene riproposto in versione terzino anche se non è il suo forte. Soffre un po’ in fase difensiva ma chiude sempre bene Gerson. Offre quando sale diversi spunti interessanti, soprattutto nelle fasi finali quando la Juve passa al 3-5-2.

KHEDIRA 5,5 – Il centrocampista tedesco cerca di dare quantità e sostanza alla mediana bianconera, anche se spesso si isola troppo dai compagni. Continua a dare il suo contributo ma è poco brillante e non arriva alla sufficienza.

MARCHISIO 6 – Il Principino cerca di dare qualità al gioco della Juve ma la squadra è più impegnata a chiudere la Roma che a gestire il possesso. Aiuta e tiene unito il centrocampo, soffrendo nei momenti di difficoltà ma sempre con generosità e altruismo.

STURARO 7 – L’ex Genoa si dimostra utilissimo in una partita molto intensa, dando muscoli e sostanza in ogni reparto. Sturaro lotta su ogni pallone e si dimostra importante nel bloccare le azioni dei giallorossi. Spreca una buona occasione da dentro l’area di rigore, merito però anche a Szczesny. Si ripete nei minuti finali ma il portiere polacco gli nega la gioia del goal. Un gladiatore, che merita gli applausi del pubblico dello Stadium.

PJANIC 5,5 – L’ex della serata si fa vedere poco nel primo tempo, isolandosi sulla trequarti senza dare la qualità che da un giocatore come lui ci si aspetterebbe. Dal 51′ CUADRADO 5,5 – Entra forzatamente e cerca di dare fiato alla Juve grazie alla sua velocità e al suo dribbling, senza riuscire a creare pericoli o azioni degne di nota.

MANDZUKIC 6,5 – L’attaccante croato continua il periodo positivo, lottando come un leone su ogni pallone e mettendo in difficoltà la retroguardia della Roma, che fatica a tenergli testa sul piano fisico. Si inventa una giocata meravigliosa al 69′, servendo Sturaro dentro l’area di rigore.

HIGUAIN 7 – Il Pipita si conferma un cecchino infallibile e alla prima buona occasione punisce la Roma, rubando palla a De Rossi e arrivando al limite indisturbato, dove insacca con maestria e precisione. Esce tra gli applausi dello Juventus Stadium. Dal 81′ DYBALA 6,5 – La sua entrata in campo cambia volto alla Juve, che diventa pericolosa in contropiede e decisamente più offensiva nel gioco. Agisce tra centrocampo e attacco, tenendo bene palla, guadagnando falli preziosi e aiutando attacco e difesa. Vederlo in campo è sempre una Joya.

ALLEGRI 6,5 – Il tecnico livornese apre la sfida con un modulo speculare alla Roma, badando a coprire bene il centrocampo e a fermare il gioco degli avversari. Il 4-3-1-2 è al momento lo schema che offre più garanzie ad Allegri e si dimostra efficace anche stasera: nonostante il gioco sia in mano alla Roma la Juventus non solo passa in vantaggio ma non lascia mai spazio ai giallorossi, che non creano mai occasioni pericolose. Cambia addirittura tre moduli durante la partita, passando prima al 4-3-3 con la sostituzione Pjanic-Cuadrado e infine al 3-5-2 con l’ingresso di Barzagli. La Juve non brilla per il gioco ma dimostra una buona solidità e ottime doti di adattamento a gara in corso, con i reparti che tutto sommato funzionano bene nonostante i cambi repentini. La Juventus ottiene così una vittoria preziosa e importante, che potrebbe già chiudere i conti per la vittoria della Serie A. Una prestazione solida, che dimostra lucidità e ambizione.

Check Also

HIGUAIN, Un gol in sei partite. In compenso due espulsioni

Entrambi finiti fuori nella lista della Juventus di Andrea Pirlo, il duo Blaise Matuidi-Gonzalo Higuain …

One comment

  1. Rugani 6 ? Vergognatevi, ha fatto una partita strepitosa, almeno da 7,5!sveglia scempi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *