Home / News / PAGELLE MB: Higuain un fantasma che non perdona, Dybala il gioiello più prezioso. Allegri vince un derby durissimo

PAGELLE MB: Higuain un fantasma che non perdona, Dybala il gioiello più prezioso. Allegri vince un derby durissimo

BUFFON 6 – Non può nulla sul colpo di testa di Belotti. Attento nelle poche occasioni in cui è chiamato ad intervenire.

LICHTSTEINER 5,5 – Sbaglia la marcatura sul goal di testa di Belotti, lasciando spazio e margini di manovra al Gallo. Soffre tanto in fase difensiva, sia con Belotti che con Ljajic, non facendosi mai vedere in fase di attacco. Brutta prestazione dello svizzero.

RUGANI 5,5 – Fuori posizione in occasione del goal di Belotti, anche se è tutta la difesa che si lascia sorprendere. Viene ammonito un po’ troppo fiscalmente per un fallo su Belotti, in uno scontro che dura per tutta la partita. Non malissimo ma non sufficiente.

CHIELLINI 6 – Il difensore toscano si trova a guidare la linea difensiva bianconera, in una partita molto fisica e intensa. Soffre un po’ il gioco sulle fasce, lasciate scoperte soprattutto a centrocampo, e cerca di chiudere usando il suo fisico imponente. Compie un errore clamoroso in fase di impostazione al 67′, regalando palla al Torino e rischiando di subire il 2 a 1. Recupera qualche minuto dopo fermando Rossettini lanciato in porta. In generale è quello più attento dei tre, soprattutto perchè riesce a farsi rispettare sul piano fisico.

CUADRADO 6 – Cerca di dare una mano in difesa ma si fa saltare facilmente da Barreca. In attacco prova a usare la sua velocità e il suo dribbling per creare pericoli ma incontra molte difficoltà. E’ bravo però a sfruttare l’errore di Ljajic e servire Mandzukic nell’azione del pareggio di Higuain. Dal 80′ PJANIC 7 – Entra a cerca di dare qualità alla fase offensiva. Segna un goal facile facile su assist di Dybala. Pochi minuti ma do buona qualità.

KHEDIRA 6 – Il giocatore tedesco agisce da mezz’ala di movimento, aiutando il centrocampo in entrambe le fasi e provando anche qualche inserimento. Si fa vedere poco, ma dà tanta sostanza sulla mediana.

MARCHISIO 6 – Il Principino cerca di impostare la manovra bianconera con eleganza e intelligenza. Soffre un po’ la grande intensità degli avversari. Serve una grande palla ad inizio ripresa a Khedira, che colpisce male di testa. Buona prestazione, in attesa della forma migliore.

STURARO 6 – Il centrocampista bianconero è ancora una volta il più generoso sulle mediana, lottando su tutto il campo e filtrando il gioco e le ripartenze dei granata. Manca un po’ di qualità ma il suo contributo è prezioso. Dal 66′ LEMINA 6 – Corre tanto e aiuta la squadra nella ricerca della vittoria. Una bella notizia per Allegri.

ALEX SANDRO 6 – L’esterno brasiliano gioca da terzino sinistro ed è costretto a contenersi in fase di attacco, dove in realtà può dare il meglio di sè. Nonostante tutto questo arriva con facilità in più occasioni al cross, aiutando la fase offensiva. Per non essere la sua posizione naturale se la cava bene, con alcune chiusure preziose e anche qualche inserimento utile. Sbaglia al 60′,  lasciando Zappacosta libero e rischiando molto. Cala nel finale.

MANDZUKIC 6,5 – Sulla scia delle ultime partite continua a correre e lottare per la squadra in tutte le fasi di gioco, dimostrando ancora una volta il suo cuore e la sua grinta. Serve un assist da vero campione per il pareggio di Higuain, prendendo in controtempo la difesa e mandando il Pipita solo davanti a Hart. Ammonito ingiustamente al 35′, per un intervento in scivolata su Zappacosta. Salva la situazione anche sul tiro dal limite di Baselli al 60′. Dal 70′ DYBALA 7,5 – Entra e sembra indemoniato, servendo continuamente palle al bacio per Higuain e Pjanic, propiziando i goal finali che portano al trionfo la Juventus. Un gioiello, una Joya.

HIGUAIN 7,5 – Partita dai due volti per Higuain, nonostante le due reti. Il Pipita non parte bene, restando estraneo alla manovra e isolato in attacco. Come ha un’occasione però la sfrutta: l’assist di Mandzukic lo mette solo davanti ad Hart e il Pipita non sbaglia, trovando il pareggio per la Juventus in un momento difficile. Dopo la rete riprende a nascondersi e a farsi trovare impreparato su ogni pallone, rendendo un fantasma in campo. Nel finale tuttavia riesce a farsi trovare ancora una volta pronto, complice un errore difensivo clamoroso di Barreca, che permette alla Juve di vincere. Non aiuta il gioco della squadra nemmeno un po’ ma se gli dai un pallone buono non perdona. Micidiale.

ALLEGRI 6 – L’allenatore bianconero ripropone un 4-3-3 anomalo con Mandzukic e Cuadrado ad affiancare la punta centrale Higuain. Il tridente non sembra funzionare molto nel primo tempo, con il Toro che passa in vantaggio e domina a centrocampo, mentre la Juve è in affanno soprattutto sulle fasce. Un errore molto grave di Ljajic permette ai bianconeri di pareggiare, ma sono i granata ad essere i più pericolosi. La partita la fa più il Toro che la Juve ma alla fine, complice il calo fisico degli avversari che il passaggio al 4-3-1-2, i bianconeri trionfano in un derby molto intenso e difficile, con il Pipita che ritrova la via del goal e dimostra di essere un finalizzatore eccezionale anche se non partecipa mai alla manovra. 3 punti importanti e preziosi.

Check Also

DYBALA, Tra rinnovo e l’incursione plurimilionaria di una inglese

Secondo quanto riportato dalla redazione di Sportmediaset, l’agente di Paulo Dybala è da un mese, ormai, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *