Home / editoriale / Pagelle MB – Una Juve cinica stende i rossoneri: Cuadrado torna e decide, Dybala delizia con giocate da fuoriclasse

Pagelle MB – Una Juve cinica stende i rossoneri: Cuadrado torna e decide, Dybala delizia con giocate da fuoriclasse

Buffon 6: Giusto una smanacciata dopo un tiro cross velenoso di Suso nei primi minuti e un altro intervento sempre sull’esterno rossonero, per il resto il numero 1 bianconero è poco impegnato. Sulla conclusione violentissima di Calhanoglu, dai 25 metri, non può far altro che soffiare per mandare la palla sulla traversa ed è totalmente incolpevole sul gol di Bonucci.

Barzagli 6: Partita di grandissimo sacrificio la sua, che mostra grandissima duttilità ricoprendo praticamente tutti i ruoli del reparto difensivo: prima terzo centrale a destra, nella difesa a 3; poi, dopo l’ingresso in campo di Douglas Costa, si sacrifica nel ruolo di terzino e concede pochissimo al duo Bonaventura-Calhanoglu.

Benatia 5.5: Il marocchino, stranamente, appare un po’ in difficoltà. Prima rimedia un brutto cartellino giallo per un’entrata in ritardo – evitabile – su Suso, poi sbaglia un fuorigioco che poteva costare carissimo. Per sua fortuna, Bonaventura ha sparato alto da buona posizione.

Chiellini 6.5: Solita verve agonistica e intensità, spesso si ritrova a pressare la mezz’ala avversaria praticamente sulla trequarti opposta. Anticipa, spesso con successo, sistematicamente Andrè Silva e non gli lascia un attimo di respiro. Tanti errori in fase di impostazione, ma dal guerriero con la maglia numero 3 non ci si aspetta certo il lancio illuminante.

Lichtsteiner 5.5: Lo svizzero soffre molto il ruolo di quinto di centrocampo e, vedendo che non è in giornata, Mister Allegri lo manda in panchina già a fine primo tempo. DAL 46′ Douglas Costa 6.5: Primi minuti di gioco un po’ frenetici per il genio brasiliano, poi -a poco a poco – entra in partita e la spacca: è lui a verticalizzare su Khedira in occasione del gol di Cuadrado ed è sempre lui, sulla fascia sinistra e marcato da due avversari, a trovare il corridoio giusto per Dybala sul terzo gol di Khedira. Douglas Costa è, semplicemente, un fattore quasi sempre determinante.

Khedira 6.5: Fa poco per tutta la partita, non rischia quasi mai la giocata e, anzi, si appoggia spesso ai suoi difensori, facendo imbestialire lo Stadium che non gli risparmia fischi – tutto sommato – ingenerosi. Poi, però, negli ultimi 20′ si trasforma: prima il cross delizioso, col piede debole, per Cuadrado, poi il decisivo gol del 3-1 con cui spiazza Donnarumma. C’è da lavorare ancora, ma la voglia del tedesco è da lodare.

Pjanic 6: Partita ordinata, senza troppi guizzi. In fase di non possesso invece si alza spesso a pressare Biglia, cercando di alzare il baricentro bianconero. Ha sui piedi la possibile palla del vantaggio, ma la parabola che disegna su punizione finisce un paio di metri alta. Avrà modo di recuperare energie, essendo squalificato in Champions, e tornare carico contro il Benevento. DAL 75′ Bentancur 6:  L’uruguaiano entra in campo con un po’ di superficialità, perdendo una palla velenosissima cercando una giocata leziosa: ma proprio dal recupero successivo si innesca l’azione che porta al gol di Cuadrado.

Matuidi 5: Il francese, probabilmente il peggiore in campo, è impreciso in fase di possesso e recupera ben pochi palloni. Ci ha abituati a ben altre prestazioni, ma una giornata “no” può capitare a chiunque. DAL 60′ Cuadrado 7: Torna in campo dopo più di 3 mesi e sembra un po’ giocare col freno a mano tirato. Occorrerà ancora del tempo per vederlo sgroppare come una freccia sul versante di destra. Poi, però, si ritrova sulla testa il gol partita e inevitabilmente diventa l’uomo copertina di questo Juventus-Milan.

Asamoah 6.5: Sulla sua fascia latita forse l’uomo più pericoloso del Milan, Suso, ma il ghanese gli concede veramente pochissimo, disputando una partita attenta e ordinata. Forse un’unica sbavatura, ma la prestazione dell’esterno sinistro è pienamente positiva.

Dybala 7.5: In uno dei primi palloni giocati già castiga Donnarumma: riceve palla da Pjanic sul destro e la fa scorrere, poi scarica un sinistro violento che si insacca alle spalle dell’estremo difensore rossonero. E’ l’unico bianconero che dà veramente la sensazione di poter far male in qualsiasi momento, anche nel momento di massima difficoltà della sua squadra. L’assist per Khedira è splendido e finisce la sua partita così come l’aveva iniziata, con una giocata da fuoriclasse.

Higuain 5.5: E’ sua la prima conclusione verso la porta rossonera, ma Donnarumma, al 6′, gli dice di no. Poi sparisce un po’ dal gioco, forse lasciato troppo solo dai suoi compagni. Qualche scelta infelice nei passaggi e qualche imprecisione di troppo, anche in area di rigore: per bucare il Real Madrid servirà un altro Pipita.

Allegri 7: Il tecnico bianconero, questa sera, mostra veramente una Juve dai 10 volti. Inizia la partita con un 3-5-2, ma la fase offensiva non convince e, all’intervallo, subito dentro Douglas Costa e ritorno al 4-3-3. Ma dopo 15′ cambia nuovamente, si passa al 4-2-3-1, che in fase di non possesso diventa un 4-4-2 con Cuadrado e Douglas Costa esterni di centrocampo, e alza il baricentro per una squadra a trazione anteriore. Il gol del colombiano gli dà ancora una volta ragione.

Check Also

RAKITIC, possibile colpo a gennaio

Come riporta Calciomercato.it, continua ad essere vivo l’interesse di Inter e Juventus per Ivan Rakitic, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.