Home / News / Paolo Condò: “Se è vero che partire è un po’ morire, ne consegue che tornare significa spesso rivivere”

Paolo Condò: “Se è vero che partire è un po’ morire, ne consegue che tornare significa spesso rivivere”

Paolo Condò ha parlato del mercato di gennaio sulla Gazzetta dello Sport: “Se è vero che partire è un po’ morire, ne consegue che tornare significa spesso rivivere. Prendete Marco BorrielloPreziosi deve aver pensato subito a lui quando gli è apparso chiaro che un’altra storia di attrazioni fatali, quelle fra Matri e Allegri (terzo giro) e fra lo stesso Matri e la Juve (secondo), gli stava sottraendo il centravanti; ha atteso fino all’ultimo perché nella cucina bianconera si stava riscaldando pure un’altra minestra, quella di Osvaldo, e quando la scelta definitiva di Marotta è caduta sul suo uomo gli è bastato dire «il solito» perché il suo diesse, come un barman consumato, capisse a chi rivolgersi. Eh già, questo mercato di gennaio sarà ricordato nel tempo come quello dei ritorni a casa”.

 

Antonella

Check Also

SPEZIA, Italiano: “Juventus? Prima il Cittadella, poi penseremo alla squadra più forte d’Italia”

Conferenza stampa di vigilia per lo Spezia, che domani affronterà in Coppa Italia il Cittadella. …