Home / News / PIRLO a La Gazzetta: “Juventus la più temibile, però troppi giocatori”

PIRLO a La Gazzetta: “Juventus la più temibile, però troppi giocatori”

 L’ex giocatore di Milan e Juventus Andrea Pirlo ha parlato a “La Gazzetta dello Sport” riguardo i bianconeri e la sua specialità, i calci da fermo: “Con la bomboletta spray che obbliga i difensori a restare dietro la linea segnata dall’arbitro dovrebbe essere più facile battere i portieri. In allenamento puoi provare le esecuzioni avendo la certezza della distanza della barriera. Quindi certi meccanismi diventano automatici. Magari si tratta solo di un momento negativo. Aspettiamo la fine del torneo per emettere sentenze definitive. Qual è la squadra più pericolosa su punizione nel nostro campionato? Sicuramente la Juventus. Anche su questo fronte i bianconeri sono un passo avanti rispetto agli avversari. La squadra di Allegri aveva già due grandi specialisti in Paulo Dybala e Miralem Pjanic. Tra l’altro, calciando con piedi diversi coprivano al meglio ogni posizione. Ora è arrivato anche CR7. Cristiano Ronaldo è diventato di colpo il “titolare” scavalcando Pjanic e Dybala. Era prevedibile. Certo, nel caso della Juve c’è fin troppa abbondanza. Anche Federico Bernardeschi, quando giocava nella Fiorentina, a volte era andato a segno su punizione. Dividersi le esecuzioni non sempre è un vantaggio. Un giocatore ha bisogno di calciare con una certa frequenza per aggiustare la mira. Dopo il tridente bianconero chi mi piace?  Lorenzo Insigne ha un piede delicato. E’ già molto temibile sui calci da fermo e può addirittura migliorare. La sua qualità tecnica gli può permettere di variare il tipo di esecuzione e questo è sicuramente un vantaggio”.

Check Also

LONGHI: “Ronaldo doveva rendere conto di quanto fatto”

Intervenuto ai microfoni di Radio Sportiva, Bruno Longhi ha parlato di alcuni temi d’attualità riguardanti il nostro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.