Home / News / Pjanic da applausi, Mandzukic cuore e gol, Higuain…

Pjanic da applausi, Mandzukic cuore e gol, Higuain…

La lezione si è ripetuta anche questa volta e, come accade da più di cinque anni a questa parte, solo chi non conosce la Juve e la sua storia poteva pensare che a Genova fosse iniziata la discesa. Più che la vittoria di per sé, la 24.a di fila in casa, la buona notizia per Allegri è che ha finalmente trovato il vero Miralem Pjanic. Sarà stato il “nuovo” ruolo di trequartista, sarà stato che la scoppola di Marassi lo ha svegliato, sta di fatto, che quella contro l’Atalanta è stata la migliore prestazione del bosniaco da quando veste il bianconero.

Non che finora sia stato un flop. Anzi. L’ex Roma ha relizzato quattro gol in campionato e uno in Champions League, risultando micidiale su punizione, ma ha anche partecipato attivamente a sei gol nelle ultime cinque partite di Serie A con tre gol e tre assist. Eppure contro la banda di Gasperini si è rivisto il Pjanic ammirato nella Capitale: sicuro di sé e faro per i compagni. Liberato da compiti di copertura, Mire ha potuto mettere il suo talento al servizio della squadra e ha fatto la differenza: non serviva due assist in una partita da aprile 2015, con la maglia della Roma contro il Sassuolo. Servono conferme, certo, ma l’impressione è che sia scattato il tanto atteso “click”.

Uno che non è mai stato messo in discussione, invece, è Mario Mandzukic. E non solo per il suo grande cuore. Tornato titolare fisso dopo l’infortunio di Dybala, il croato ha messo lo zampino in quattro gol nelle ultime quattro presenze in Serie A e soprattutto ha messo polmoni e grinta in ogni suo minuto in campo. Forse è anche questo che sta mettendo in difficoltà il suo attuale compagno di reparto. Gonzalo Higuain ha mancato l’appuntamento con il gol per la quarta partita di fila, cosa che non gli accadeva da aprile 2015. Allegri ha continuato a elogiarlo, i tifosi lo sostengono, ma qualcosa si è inceppato. E’ evidente a tutti che sta giocando lontano dalla porta e per questo è soprattutto lui ad attendere con ansia il ritorno della Joya. Per fortuna ci pensa la difesa a fare le sue veci. Sì, perché la BBC e compagni finora hanno messo a segno qualcosa come 8 reti, record in questo campionato. Ancora una volta, insomma, è da dietro che la Juve sta costruendo i suoi successi. Si legge su Sportmediaset.

Check Also

GAZZETTA, No CR7 no party

“No Ronaldo, no party” scrive la Gazzetta dello Sport. Pesa e tanto l’assenza del portoghese …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *