Home / News / Presidente Verona: “Sono arrabbiato. Domenica dobbiamo cambiare”

Presidente Verona: “Sono arrabbiato. Domenica dobbiamo cambiare”

Dalle pagine del sito ufficiale dell’Hellas Verona, il presidente del club scaligero Maurizio Setti, si sfoga e dice la sua sulla sconfitta di Coppa Italia e il prossimo incontro di campionato:

“Un commento alla sconfitta di Torino? Questa è una domanda a cui rispondere è difficile. Sono arrabbiato. Contro la Juventus ho visto una prestazione che non fa parte della sfera di chi vuol vestire la maglia dell’Hellas Verona e far parte del nostro progetto. E’ poco commentabile sia per noi ma anche per tutti i bravissimi tifosi che sono venuti a Torino. In ogni partita, anche affrontando squadre forti, devi essere vincente almeno per impegno e mentalità, bisogna entrare in campo e dare tutto. La sfida di domenica sera? Dovremo avere una mentalità diversa. I nostri allenatori devono lavorare per questo, dare un messaggio chiaro, forte e molto determinato. Giocare in uno stadio con 40.000 persone deve essere uno stimolo per la gente che ama il gioco del calcio, essere in campo contro Tevez o altri calciatori deve essere un onore. Se affrontiamo i nostri avversari in maniera giusta possiamo vendere cara la pelle, vecchi e nuovi calciatori devono dare qualcosa di diverso. Chi ha la mentalità da combattente allora merita di giocare, dobbiamo correre più degli altri, ma queste riflessioni non spettano a me. Nel mondo odierno o corri davvero o qualsiasi qualità viene a mancare. Abbiamo la possibilità di una rivincita per chiedere scusa a tutti e di ottenere qualcosa di importante, ma per farlo dobbiamo uscire con la lingua che tocca per terra dopo aver dato tutto, da ogni punto di vista. Il campionato è ancora lungo, ci sono tante partite, ma gli atteggiamenti di una squadra sono determinanti per il risultato”.

Simone

Check Also

PIPPO INZAGHI, Su Pirlo: “Un vantaggio allenatore giocatori forti, lo aiuteranno quando sbaglierà”

“Conosco bene Andrea che è un ragazzo molto intelligente. Quando smetti di giocare e inizi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *