Home / News / Primi o secondi? L’importante è vincere in fretta. Ecco la strategia di Allegri

Primi o secondi? L’importante è vincere in fretta. Ecco la strategia di Allegri

Come riportato oggi da Tuttosport, con la qualificazione agli ottavi di Champions già in tasca Massimiliano Allegri si gode l’ultima partita del girone, non irresistibile come coefficiente di difficoltà visto che i croati della Dinamo Zagabria hanno un bel zero alla voce punti. Premesso che il Conte Max ha ribadito più volte di non volere fare calcoli, di puntare soltanto a un unico obiettivo, quello di battere la Dinamo per mantenere la vetta alla conclusione della fase a gironi, alla fin fine si lascia andare anche a una risata all’ennesima richiesta se sia più conveniente arrivare primi o secondi in termini di incroci nel sorteggio. A differenza di altre stagioni, quest’anno la Champions riserva incroci da brivido anche se si arrivi in testa al girone: il rischio è quello di beccarsi nei sorteggi di lunedì il Psg, il Bayern Monaco, il Manchester City, il Benfica, tutte seconde. In attesa degli altri tre gironi che scendono in campo stasera.

Se Allegri non prende in considerazione un risultato che sia diverso dalla vittoria, ragiona invece su un minimo di turnover (Alex Sandro, Chiellini e Khedira a riposo in panchina) in vista del derby di sabato e delle successive sfide con la Roma in campionato e il Milan nella Supercoppa. In questa ottica, chiede l’approccio giusto alla sfida contro la Dinamo Zagabria. «Dobbiamo essere bravi ad affrontare la partita in modo aggressivo: se la gara va subito in discesa, possiamo poi risparmiare un po’ di energie». La richiesta è ineccepibile: due gol subito, tanto da mettere al sicuro il risultato, e poi remi un po’ in barca perché la squadra ha soltanto tre giorni per recuperare dalle fatiche e affrontare un Toro agguerrito in una sfida che richiede un grande dispendio di energie anche nervose.

Il piano di Allegri potrebbe però cozzare contro la realtà dei croati, che saranno anche sprovveduti nel loro approccio alla Champions, ma non rinunciatari a priori: proveranno con tutte le forze a mettere in difficoltà la Juventus a dispetto del 4-0 subito a Zagabria nella gara d’andata. «Se non riusciamo con questo approccio dovremo fare una partita diversa – avverte Allegri -. Loro giocheranno una partita chiusa, come hanno fatto in casa con il Lione e in altre partite. Fare gol non è semplice quando trovi dieci giocatori dietro la linea della palla».
Quindi, palla al centro e aggredire subito l’avversario. Nel nome del primo posto e del derby.

Check Also

Paratici

JUVE, Paratici multato dal Giudice Sportivo: “Frasi irrispettose nei confronti degli ufficiali di gara”

Il giudice sportivo della Serie A, Gerardo Mastrandrea, ha squalificato per una giornata Vanja Milinkovic …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *