Home / News / Prossimi ostacoli: Pescara e Siviglia. Allegri studia le mosse

Prossimi ostacoli: Pescara e Siviglia. Allegri studia le mosse

C’è quindi da aspettarsi anche una Juventus dal doppio volto: tra infortuni, fatiche in nazionale e giocatori che non possono sobbarcarsi entrambi gli impegni, Allegri è costretto a fare turn over mandando in campo due squadre diverse con il carico di big da giocarsi in Champions. Con delle eccezioni, ovviamente, in particolare laddove non ci sono alternative.
Le soluzioni
Per esempio, scrive Tuttosport, in attacco Mario Mandzukic, rientrato rinvigorito dalle due prove con la Croazia, suggellate dal gol, dall’assist e dalla fascia di capitano, è destinato a timbrare il doppio cartellino perché il reparto resta in emergenza visto che gli infortuni di Dybala e Pjaca hanno ridotto ai minimi termini gli uomini a disposizione. E il suo partner, tra Pescara e Siviglia, potrebbe anche cambiare nel caso in cui Allegri decidesse di concedere un po’ di riposo a Higuain, rientrato appena ieri in Italia, e lanciare dalla panchina il 16enne Moise Kean.
Anche a centrocampo e sulle fasce c’è parecchio movimento: Claudio Marchisio, che ha recuperato dal sovraccarico muscolare, probabilmente non sarà della partita allo Stadium ma verrà preservato e quindi presentato allo Stadio Ramón Sánchez Pizjuán di Siviglia. Al suo posto, ballottaggio tra Hernanes e Lemina per il ruolo di regista, con il brasiliano in vantaggio sul gabonese, in gol con la sua nazionale. Stesso discorso per Dani Alves, rientrato dal Sudamerica, al quale Allegri ha concesso un giorno di riposo in più. Il brasiliano non sarà in campo contro il Pescara, sostituito da Lichtsteiner che non è inserito nelle liste Uefa, e ritornerà per la trasferta a Siviglia. Khedira (al quale il ct Löw ha risparmiato l’amichevole di San Siro) e Pjanic dovrebbero completare il trio a centrocampo sia domani sia martedì sera, mentre sulla fascia sinistra c’è il solito ballottaggio tra Alex Sandro ed Evra.
A difesa
Dopo aver indossato la maglia da titolare nell’amichevole azzurra contro la Germania, Daniele Rugani spera nel bis anche con la Juventus, orfana dell’infortunato Barzagli. Molto dipende dal recupero di Chiellini: se il numero 3 bianconero viene preservato per la Champions, contro il Pescara toccherà a Bonucci, Benatia e appunto Rugani. «È normale che la partita dopo la sosta sia delicata – ribadisce il 22enne difensore -. Dovremo prepararla con la massima concentrazione perché anche questa vale tre punti e basta poco per riaprire il campionato. La Roma in questo momento è la rivale più accreditata, ma ci sono anche altre squadre in lotta, come il Napoli o il Milan». Elogiato da Allegri, Rugani parla della sua crescita. «Mi sento più maturo e consapevole, cerco di migliorare per diventare un elemento sempre più importante della squadra. Peccato per l’infortunio che mi ha frenato, ma ora sono tornato, pronto a ripartire. Devo migliorare in tutto, ma gioco con campioni affermati, imparo molto da loro. Le aspettative su di noi sono enormi, dobbiamo essere bravi a estraniarci dalle pressioni esterne che possono arrivare se giochiamo un tempo sottotono o non ci esprimiamo al massimo. Dobbiamo accettare questo fatto e andare avanti per la nostra strada».

Check Also

FIORENTINA, Quarta: “Speriamo di vincere contro i bianconeri”

Nel pomeriggio di ieri è andata in scena via web, causa situazione covid-19 che ha …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *