Home / News / Rugani: altro che seconda scelta, è roba da BBC

Rugani: altro che seconda scelta, è roba da BBC

Come riportato dall’edizione odierna di Tuttosport, Massimiliano Allegri rimane spiazzato quando Daniele Rugani viene definito «sorpresa» oppure «rivelazione». Già perché ormai il ragazzo è entrato a tutti gli effetti a far parte della categoria certezze. «Daniele sta giocando in questo periodo, non è che si è fatto trovare pronto. Sta avendo continuità, sta disputando ottime partite. E’ un ragazzo giovane, è in crescita continua, sarà un pilastro della Juventus anche per il futuro». Intanto Rugani si è assicurato il presente aggiungendo, in un periodo positivo, la prestazione super convincente sfoderata contro l’Atalanta per dimostrare ancora una volta di essere molto più di un’alternativa. Roba da BBC, in assenza degli stessi interpreti del reparto difensivo più forte d’Italia e tra i più competitivi d’Europa. Gli infortuni creano problematiche impegnative per Allegri, però hanno anche permesso a Rugani di ritagliarsi quello spazio prezioso per dimostrare di valere la Juve e di essere affidabile anche da titolare. Con l’Atalanta è arrivato pure un gol di testa che ha messo in risalto le doti offensive del difensore classe 1994 e la perfetta scelta di tempo. In fase difensiva poi il centrale è stato praticamente perfetto, senza sbavature. Allegri se lo gode e la Juventus ha un progetto ad ampio raggio sul ragazzo, nell’ottica di ringiovanire progressivamente un reparto arretrato di altissimo livello, ma dall’età media piuttosto avanzata.

Rugani infatti è in procinto di rinnovare il proprio contratto con il club bianconero fino al 2021 con relativo adeguamento dell’ingaggio. Un segnale che ha una duplice valenza: rendere merito al lavoro svolto dal difensore e allo stesso tempo allontanare le tentazioni del mercato. Rugani infatti è tra gli italiani del futuro con maggiori estimatori. Del resto un centrale di prospettiva, ma già con esperienza ai massimi livelli è merce rara e come tale è particolarmente richiesta. In Italia lo vorrebbero tutti: dal Napoli alla Roma passando per le milanesi. E all’estero gode di ottima considerazione in Premier e in Bundesliga. Ma il destino di Rugani è strettamente legato a quello della Juventus: avanti insieme, con la forza pure del rinnovo contrattuale a rendere ancora più saldo il rapporto. Allegri lo stima e l’ha dimostrato anche a parole nei momenti in cui Rugani aveva trovato meno spazio: «Prima o poi arriverà il suo momento, deve avere pazienza», ripeteva di frequente l’allenatore bianconero. E aveva ragione: ora il difensore è una certezza ed è stato protagonista di un percorso di crescita esemplare. Eppure la stagione era cominciata con la prospettiva di trovare poco spazio: Barzagli, Bonucci e Chiellini come trio titolare (al netto dei cambi di sistema di gioco) e poi un concorrente “scomodo” come Benatia. Tra infortuni e scelte tecniche, Rugani alla fine si sta imponendo e si è guadagnato anche la convocazione da parte del ct Ventura per la Nazionale. In questo finale di 2016 ha ancora quattro partite per confermarsi “da BBC”.

Check Also

TMW RADIO, Cagni: “Questo Milan ha tante certezze. Juve, Pirlo fa troppi esperimenti”

A parlare dei temi del momento a TMW Radio, durante Maracanà, è stato mister Luigi Cagni. Ecco …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *