Home / News / Spalletti carica i suoi per la Juventus: “Ci meritiamo questa sfida. Bianconeri sono il massimo della perfezione, ecco perché…”

Spalletti carica i suoi per la Juventus: “Ci meritiamo questa sfida. Bianconeri sono il massimo della perfezione, ecco perché…”

Come riportato da Tuttosport, Luciano Spalletti pensa già alla partitissima di sabato sera allo Stadium di Torino contro la Juventus. Pensiero e parole, quelle che dirà ai suoi giocatori per preparare l’evento. Perchè per lui è di questo che si tratta: «Ci siamo meritati una sfida del genere perché un conto è presentarsi a Torino con soli quattro punti di vantaggio e un altro era andarci con sei o sette lunghezze da recuperare. La Juve non gioca al massimo delle sue possibilità? Non credo. Per me è il massimo della perfezione. E sapete perché? I campioni d’Italia sanno centellinare ogni piccola goccia di sudore, non sprecano niente. E a seconda dell’avversario che affrontano cambiano atteggiamento. Negli uomini e nei sistemi di gioco. Non puntano mai a stravincere ma a vincere spendendo meno energie possibili. Questa è la Juve. Una grande squadra. Ripeto: si adeguano alla squadra che hanno di fronte. E’ fortissima, praticamente perfetta, altro che altruista e poco spettacolare, sa quello che vuole e lo ottiene con il minimo sforzo».

Continua, Spalletti. «Ovviamente la squadra di Massimiliano Allegri ha una marcia in più rispetto a tutti ma, naturalmente, cercheremo di giocarcela visto che ci troviamo, meritatamente, in questa classifica. Per fare risultato allo Stadium servirà equilibrio perché loro a ogni mezza occasione ti fanno due gol. Bisognerà stare concentrati e non perdere di vista l’azione neppure per un istante. Intanto godiamoci questo momento. Il primo grande obiettivo è stato raggiunto: per la prima volta in questa stagione l’Olimpico era mezzo pieno, ho risentito i tifosi cantare, esultare. Li ho rivisti vicino a noi e questa è una grande soddisfazione, significa che qualcosa di importante è stato fatto. E poi sono soddisfatto perché anche contro i rossoneri, che oramai sono da considerare una grande del campionato, non abbiamo di nuovo preso gol. E non è un dettaglio, per un allenatore questo è fondamentale. E per concludere sono soddisfatto della prestazione di Dzeko, non ha fatto gol ma è stato utilissimo».

Il dubbio per sabato porta il nome di Salah. E non è solo legato alle sue condizioni fisiche: riuscirà a recuperare? Se sì, però, non è detto che giochi. «Con l’egiziano abbiamo un tipo d’atteggiamento, senza di lui un altro. Lui è bravo a saltare l’uomo e può risolverti la partita in qualunque momento. Però, sotto l’aspetto della corsa, con lui giochiamo con un uomo in meno perché non va a fare pressing e rubare palla. L’ha fatto solo una volta a Napoli quando l’ha tolta (la palla) a Koulibaly è andato in rete. Sotto questo aspetto deve migliorare e noi ci lavoreremo su. Senza di lui siamo meno imprevedibili ma più compatti come è successo contro il Milan. Vediamo, c’è ancora qualche giorno per valutare la situazione».

Check Also

PIRLO, Ballardini: “Cambiato allenatore per necessità, ma sono sicuro che torneranno a vincere”

Intervenuto nelle scorse ore ai microfoni del noto portale calciomercato.it, l’ex mister di Genoa e Palermo (tra le tante) Davide Ballardini ha …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *