Home / News / TACCHINARDI: “I cori razzisti? Da condannare e non solo allo stadio. Non abbiamo la forza di cambiare come gli inglesi…”

TACCHINARDI: “I cori razzisti? Da condannare e non solo allo stadio. Non abbiamo la forza di cambiare come gli inglesi…”

In esclusiva, abbiamo sentito Alessio Tacchinardi, ex centrocampista della Juventus e ora opinionista TV riguardo ai cori razzisti e beceri avvenuti prima al Franchi e poi nelle settimane a seguire negli altri stadi. Ecco cosa ci ha riferito.

Cosa ne pensa dei fatti avvenuti al Franchi? Parlo delle scritte e dei cori beceri.. 

È una vergogna. Ho letto di Mariella Scirea, una mia amica, che lei non perdona questa gente. Io dico solo che bisogna crescere nella vita, bisogna essere persone migliori. Si peggiora nel tempo, e questa è una dimostrazione di schifo, non si doveva neanche pensare. Purtroppo di ignoranza e cattiveria ce n’è tanta, viviamo in un’epoca dove non vedo tante belle cose. Se alzo la testa vedo una bella luce, ma poi vedo solo cose che non vanno bene, mi auguro che anche il discorso dei cori razzisti migliori. Non abbiamo la forza come gli inglesi, capaci di ribaltare tutto un sistema. Se non cambiamo, andremo avanti con stadi che fanno schifo, con stadi che per essere costruiti, svenano imprenditori e presidenti, senza ricevere l’aiuto da parte di nessuno. Questo distrugge coloro che vogliono costruire e hanno voglia di fare qualcosa di buono. Continuano ad esserci la cattiveria e le brutte cose che continuano imperterrite, nonostante noi diciamo di voler cambiare e di migliorare. Se poi si vuol mettere la testa sotto la sabbia, ignorando quel che succede e continuare a mungere la mucca sistema calcio… Queste cose qua per me sono da condannare, e non solo allo stadio. Come i cori razzisti: siamo quasi nel 2019 e ancora si sentono queste cose. Mi sembra una follia! 

Check Also

GRIEZMANN, continua il contenzioso tra Atletico e Barcellona

Continua la querelle tra Atletico Madrid e Barcellona in merito al trasferimento, successivo al pagamento …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.