Home / blu / TACCONI: “Per me il Coronavirus è un’influenza”

TACCONI: “Per me il Coronavirus è un’influenza”

Stefano Tacconi senza filtri a Radio Sportiva: “Il Coronavirus? Per me è un’influenza. Quando in una conferenza mi diranno che ci sono stati mille morti, mi dicano quali di Coronavirus, non si può fare di tutta l’erba un fascio. Io sarei per riprendere a giocare, anche con il pubblico. Ripresa campionati? Ora come ora c’è troppa confusione, spero che la Serie A e B con 40 squadre sia più gestibile. Dalla C in giù ci sono troppe società che non possono andare a giro la domenica – ha continuato Tacconi parlando anche dell’attuale momento della Juve –. In questo periodo mi sono rivisto tutte le partite e qualche lacrimuccia è arrivata. I miei trofei? Tutto il museo della Juve, sennò come facevano a farlo? Per carattere e personalità non vedo un altro come me, poi prima era anche più dura. Rabiot? È già una persona fortunata, se vuol andar via la Juve non farebbe fatica. Io avrei accettato di ridurmi lo stipendio. Chiellini? Le solite cavolate, ne ho dette talmente tante anch’io! E per quanto riguarda Buffon, facciamogli vincere questo record”. Lo riporta Tuttosport.

Check Also

RASSEGNA STAMPA, I titoli sulla Juventus

Ecco i titoli sulla Juventus nei quotidiani sportivi oggi in edicola Tuttosport: “Paulo Dybala: “Al …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *