Home / News / TEOTINO: “Scudetto una corsa a tre”

TEOTINO: “Scudetto una corsa a tre”

Gianfranco Teotino ha risposto alle domande degli ascoltatori di Sportiva durante il “Microfono Aperto”.

SUL NAPOLI: “Penso che lo scudetto sia una corsa a tre: Juventus, Napoli e Inter. Non credo che si dovrà andare lontani dalla quota 90. Gli azzurri hanno una profondità di rosa che non hanno mai avuto prima e Ancelotti è un valore in più straordinario. Continuo a ritenere che la Juve abbia qualcosa in più a livello di esperienza e di abitudine a vincere, ma la corsa sarà molto più aperta rispetto agli anni scorsi”.

SUL PALERMO: “Il Palermo ha un asset che tanti altri club non ha: un pubblico straordinario. Sono convinto che i rosanero domineranno in Serie D, mentre il prossimo passo è da valutare. In C c’è una concorrenza molto più ampia, ma sono fiducioso”.

SULLA SCELTA DI MONTELLA DI CAMBIARE CHIESA E RIBERY CON BOATENG E VLAHOVIC: “Ribery era stanco, anche per l’età, mentre Chiesa credo che avesse qualche acciacco di natura muscolare. Critico più l’atteggiamento complessivo della Fiorentina del secondo tempo. E’ stato concesso troppo campo all’Atalanta, mentre la squadra aveva i mezzi tecnici per giocarsela alla pari”.

SULLA ROMA: “Per lo scudetto mi sembra francamente un po’ presto, ma credo che la Roma quest’anno potrà divertire tantissimo. Ha un futuro, soprattutto a centrocampo. Credo sia ancora un passo indietro rispetto a Inter e Napoli, ma ha i mezzi per colmare la distanza. Avrei comprato un attaccante giovane perché Dzeko e Kalinic non sono più dei ragazzi”.

SULL’EPISODIO DI RAZZISMO DURANTE ATALANTA-FIORENTINA: “Ho letto con piacere il comunicato dell’Atalanta che ha corretto le dichiarazioni un po’ leggere di ieri di Gasperini. Orsato ha fatto bene ad interrompere la partita”.

SU RAMSEY E RABIOT: “Sarri è stato ingaggiato dalla Juventus dopo che erano stati presi. Ramsey ha avuto un incidente muscolare grave che lo ha tenuto fuori per molto tempo, è andata peggio a Rabiot che da quando è stato ingaggiato dai bianconeri non ha più giocato”.

SU LLORENTE: “Il Napoli ha cercato a lungo Icardi per poi virare su Llorente. Secondo me è stata una grandissima operazione, lo spagnolo è un giocatore di grande esperienza, ha mentalità ed ha giocato in squadre importanti. Può diventare l’Altafini del Napoli. E’ un centravanti puro ma ieri ha dimostrato di potersi adattare anche ad altri ruoli”.

SUL NAPOLI IN CHAMPIONS: “Può fare molta strada, anche se non è tra le 4-5 squadre favorite per vincere. E’ dal tempo del Porto di Mourinho che la Champions non viene vinta da una outsider, ma c’è sempre una sorpresa che arriva in semifinale”.

SUL MILAN: “Il mercato rossonero è stato abbastanza confuso, non sono state seguite le idee di Giampaolo e ora il Milan si trova in una situazione difficile”.

SUL MONZA: “E’ una squadra fortissima per la Serie C attuale, lo ha dimostrato fino ad ora vincendo tutte le partite. La Serie B è un’altra storia, ma nel recente passato è successo che una squadra facesse il doppio salto. Non mi stupirei di vederlo tre due anni in Serie A”.

SUL CAGLIARI: “Nandez è un giocatore molto interessante, un grande colpo del Cagliari. I sardi hanno avuto una serie di colpi di sfortuna con i ko di Cragno, Pavoletti e Nainggolan, ma hanno avuto il colpo di genio di acquistare Simeone. Con un Nainggolan in più la squadra può coltivare qualche sogno europeo”.

Check Also

FOTO-SOCIAL, “Rinnovo per Di Pardo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.