Home / News / Vai Rolando, torna più forte di prima!

Vai Rolando, torna più forte di prima!

Ha indossato la maglia della Juventus nel tempo libero dagli impegni ufficiali, considerato che in campo non l’abbiamo mai potuto ammirare. Ma la sua assenza sarà molto presto un ricordo: Rolando Mandragora è pronto a ripartire da Pescara dove gli scout bianconeri l’hanno “spiato” per mesi prima della fumata bianca siglata tra le società alla fine della scorsa stagione. E i contatti con il Pescara non si sono mai interrotti, al punto che il centrocampista sta per tornare sulla scena con indosso la casacca biancazzurra, quella con cui fece le prove del grande salto nella scorsa annata. Con il napoletano sbarcheranno in Abruzzo l’attaccante Alberto Cerri (che ieri ha già “rotto il ghiaccio” agli ordini di Massimo Oddo), reduce da una prima metà di stagione vissuta alla Spal, e l’ala senegalese Mame Thiam, pure lui di rientro da un prestito quadrimestrale, ma al Paok Salonicco, scrive Tuttosport.

Calvario
Nessuna sorpresa dall’ultimo summit fra Juventus e Pescara, già d’accordo per il prestito secco dei tre giocatori, in primis Mandragora. Uno che, se solo contassero gli “scherzi” del destino che hanno costellato gli ultimi 7 mesi, farebbe bene a sciropparsi una toccata e fuga a Lourdes. La sfortuna di Rolando è racchiusa in alcuni ricordi flash: la frattura del 30 aprile 2016 al quinto metatarso del piede destro, i postumi di un’operazione non esattamente perfetta, il nuovo intervento del 10 agosto a Oporto per la riduzione e la sintesi della frattura in questione, la prognosi di 3-4 mesi, l’avvio della rieducazione senza il tutore, le prime corse, il sorriso che torna sul suo volto dopo mesi durissimi. E con un carico di aspettative che cresce di giorno in giorno: perché Mandragora non ne può più di restare in disparte, anche se in questa prima fetta di esperienza juventina non ha mai fatto mancare il proprio sostegno, incitando di persona i compagni e postando messaggi su messaggi sui profili social.
Pilastro
In corso Galileo Ferraris, per esser chiari, non lo mollano: il ragazzo sarà semplicemente prestato per 6 mesi al Pescara. Rolando ha solo 19 anni e tutta una vita per dimostrare il proprio valore: pagato (al Genoa) 6 milioni più altri 6 di bonus in base alle presenze (premi, evidentemente, azzerati, finora) e blindato da un contratto fino al 2021, tornerà presto a Vinovo, la sua casa. Quella che non lo ha accolto come un ragazzino di passaggio, ma come uno dei pilastri della Juventus che verrà, fondata sui giovani e soprattutto più italiana che mai. Appena sbarcato a Torino, il campano si era subito sistemato in collina con i familiari, in una casa con vista meravigliosa su una città da godere fino in fondo. E riabbraccerà Torino in estate, con sei mesi di calcio giocato sulle spalle, dolcissima eredità di una stagione destinata ad un inarrestabile crescendo.

Check Also

SPADAFORA: “Domani l’approvazione del protocollo per la graduale riapertura degli stadi”

“Domani dovrebbe essere approvato all’unanimità dalla Conferenza delle Regioni un nuovo protocollo per una graduale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *