Home / Calciomercato / Zaza, futuro incerto con ipotesi transito a Torino

Zaza, futuro incerto con ipotesi transito a Torino

Jesus Garcia Pitarch, direttore sportivo del Valencia, non depenna la candidatura di Simone Zaza («Non so cosa accadrà: se deciderà di venire, le porte sono aperte»), ma dopo il burrascoso addio di Cesare Prandelli ai Pipistrelli, l’ipotesi sembra davvero sfumata. «C’era un discorso avviato, l’interesse del Valencia era concreto» ha detto il papà Antonio, agente del giocatore, in un’intervista radiofonica a Tmw, confermando che il figlio lascerà il West Ham, ormai deciso a non esercitare il riscatto, e quindi a fare temporaneamente ritorno alla Juventus: «Sì, mi sembra chiaro…», scrive Il Corriere dello Sport.

PRESTITO. In realtà, tra corso Galileo Ferraris e Vinovo, non c’è alcun segnale d’un ritorno, seppur momentaneo, dell’azzurro. Il prestino oneroso (5 milioni di euro) è annuale, perciò la società bianconera, a fronte di offerte ricevute direttamente o attraverso l’entourage del calciatore, potrà dare il placet favorendo una nuova destinazione, ma certo non può farsi carico di un problema che non le appartiene, che è tutto del West Ham e del ragazzo. Sul futuro, papà Zaza non si sbilancia («Bella domanda…»), ma non appare preoccupato: «Siamo sereni, ora ci guardiamo intorno. Qualche squadra italiana ha già chiesto Simone, posso dire che tornerà a giocare in serie A. Genoa e Fiorentina? Presto per dirlo. Vedremo…».

FIDUCIA. La Juventus, al momento, non ha ricevuto offerte dirette. Giunge solo l’eco delle indiscrezioni che parlano, appunto, di interesse rossoblù e viola, ma anche milanista. Nel dettaglio, il presidente genoano Enrico Preziosi, che continua a seguire tra i bianconeri anche Hernanes, ha pensato a Zaza come successore di Leonardo Pavoletti, ceduto a Napoli, ma l’ingaggio è un ostacolo serio eppoi c’è la volontà di valorizzare Giovanni Simeone che, malgrado la giovane età, ha saputo ritagliarsi spazio e fiducia. Di primo acchito, appare maggiormente praticabile la pista viola, legata alla possibile cessione monstre di Nikola Kalinic ai cinesi: l’attaccante azzurro prenderebbe il posto del croato. Quanto al Milan, l’abbinamento affonda radici in un possibile addio di Carlos Bacca, ma nemmeno in questo caso l’incastro sembra semplice.

Check Also

PAGELLE MB, Ronaldo non basta. Rabiot da incubo

SCZESNY 6: Si fa trovare pronto ma la fortuna non lo aiuta. Provvidenziale su Mkhitaryan. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *