Home / News / Zoff: “L’avvocato capiva di calcio, non mi sento inferiore a Buffon, riguardo Calciopoli…”

Zoff: “L’avvocato capiva di calcio, non mi sento inferiore a Buffon, riguardo Calciopoli…”

L’ex portiere bianconero Dino Zoff ha parlato di Juventus al Corriere della Sera.
“La Juve di Trapattoni era fortissima, però pativa il Torino. I derby sono sempre gare particolari, Il Toro era uno squadrone. E poi c’era Pulici. L’avvocato Agnelli veniva negli spogliatoi nell’intervallo e non faceva nulla di quello che fanno di solito i presidenti: non incitava, non urlava; prendeva il caffè con noi. Un distacco presente. Faceva molte domande, tutte giuste. Capiva di calcio.
Da allenatore battemmo un Milan da leggenda: 1-0, gol di Galia. A ogni corner salivano a saltare di testa Gullit, Maldini, Van Basten, Rijkard. Mi giravo dall’altra parte, dal silenzio di San Siro capivo che non avevano segnato. Di Maifredi l’Avvocato volle dirmelo di persona, nella sua villa in collina. Non ho mai capito chi avesse deciso. Per la prima volta dopo 27 anni la Juve non si qualificò per le coppe europee.
Calciopoli? Così mi fa andare in crisi. Le risponderò, allora. No, la Juventus non fa bene a chiedere i due scudetti. Ci sono delle regole. Ci sono delle sentenze. Al processo ci fu un’autoaccusa della Juve. E Moggi è stato condannato dalla giustizia sportiva. Ma il secondo di quegli scudetti andava  non andava assegnato, se il campionato è campionato è falsato, è falsato per tutti.
Buffon è esploso prima, io sono maturato col tempo. Ma certo non mi sento inferiore.

Check Also

SZCZESNY: “La Juventus gioca sempre per vincere tutti i trofei. Ieri gara non bellissima ma che ha portato 3 punti importanti“

Wojciech Szczesny ha commentato ai microfoni di Sky Sport la vittoria maturatosi nella serata di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *